Archivi categoria: News

20/11/2012 :: Roma / Ass. Radicale Antispecista in piazza per dire “NO alla sperimentazione animale”

Martedì 20 novembre 2012 alle ore 10.00 è stato indetto un presidio in P.za delle Cinque Lune – Roma, a poche decine di metri dal Senato della Repubblica, dal movimento dei Verdi e Animalisti Europei (Federazione dei Verdi, Ecologisti e Reti Civiche + Partito Animalista Europeo) insieme a FEDER F.I.D.A. onlus, in occasione del convegno intitolato “Perché è ancora necessario sperimentare sugli animali prima che sugli umani”.

L’Associazione Radicale Antispecista “Parte in Causa” parteciperà al presidio per fare da contraltare all’intervento, previsto da programma del convegno, della deputata radicale On. Maria Antonietta Farina Coscioni, e per testimoniare l’esistenza di un’anima animalista e antispecista – e dunque fino in fondo gandhiana e nonviolenta – all’interno del movimento radicale. L’Associazione considera inoltre questa presenza come un obbligato seguito all’azione politica contro la sperimentazione animale iniziata il 4 novembre scorso quando, durante i lavori dell’XI congresso di Radicali Italiani, era stata presentata una mozione particolare sul finanziamento di metodi alternativi alla sperimentazione animale.

Ci teniamo tuttavia a puntualizzare che il convegno è stato promosso dall’Istituto di Ricerche Farmacologico “Mario Negri”, non dai Radicali, che non hanno una linea ufficiale sulla sperimentazione animale tanto da essersi divisi sul tema in Parlamento in occasione del voto su Green Hill: portare un dibattito e un’analisi critica sull’argomento all’interno del movimento è proprio uno degli obiettivi che l’Associazione si è posta al momento della sua fondazione.

Come antispecisti, non possiamo che esprimere la più ferma e totale opposizione a una ricerca scientifica che fondi il proprio “progresso” sulla tortura e sull’uccisione di un numero incalcolabile di esseri senzienti. Non esiste scopo, per quanto nobile, che possa giustificare un tale abominio. Ci auguriamo che la maggioranza del movimento si riconosca nelle nostre posizioni che non sono altro che la naturale e coerente espressione di una visione radicalmente nonviolenta della società.

Maria Giovanna Devetag
Segretaria di Parte in Causa – Associazione Radicale Antispecista

Verona Eretica c’è! Tu che fai?

Cara amica, Caro amico,

come sicuramente saprai, dalla positiva esperienza di Colognola Eretica, ha preso vita Verona Ereticafederazione di movimenti, associazioni e persone che seguono le linee guida dell’antiproibizionismo e della nonviolenza e si battono per le libertà individuali e i diritti civili delle ultime e degli ultimi e, proprio per questo, di tutte e di tutti.

Il simbolo adottato da Verona Eretica è una Rosa Gialla, proprio come quella che nel medioevo veniva cucita sulle vesti delle eretiche e degli eretici. Nel medioevo ogni aspetto della vita pubblica e privata veniva ricondotto all’ambio religioso e quindi ogni eresia sociale-morale-politica era di fatto anche un’eresia religiosa. Oggi non è più così e gli ambiti della nostra vita pubblica e privata sono molteplici: la nostra Rosa Gialla è quindi simbolo di ogni pensiero e azione non in linea con i modelli sociali-politici-culturali-morali dominanti. La nostra Rosa Gialla è oggi il simbolo del Libero Pensiero.

La federazione è nata da poco ma sul tavolo ci sono già parecchie iniziative, dall’appello “Per Natale regalati la tua candidatura” in vista delle elezioni amministrative di Verona 2012 al pacchetto di petizioni eretiche per tutti i comuni della provincia; dall’adesione di Verona Eretica al neonato “Movimento Liberali Antiproibizionisti” alla partecipazione al forum “Salviamo il paesaggio, difendiamo il territorio“.

Verona Eretica ha bisogno di TE! Non restare alla finestra, solo iscrivendoti e “mettendoci la faccia” puoi contribuire concretamente al cambiamento!

Ti scriviamo per invitarti ad iscriverti a Verona Eretica, per portare avanti e vincere insieme le importanti battaglie ecologiste e libertarie che ci contraddistinguono.

Per l’anno 2012 la quota d’iscrizione è di 20 euro.

Inoltre, se hai tempo e voglia, c’è ancora bisogno di te: l’impegno militante è spesso più importante del pur fondamentale sostegno economico.

Stiamo organizzando una piccola riunione per conoscere le nuove e i nuovi iscritti: luogo, data e orario verranno comunicati al più presto.

Ne approfittiamo anche per ricordarti che saremo presenti a Verona, con i tavoli informativi, nelle seguenti giornate:

  • venerdì 16 dicembre / Piazza Bra
  • sabato 17 dicembre / Via Roma
  • venerdì 23 dicembre / Piazza Bra

Venire al tavolo con noi in una di queste date potrebbe essere un buon modo per iniziare la tua militanza eretica!

Aspettiamo una tua risposta,

un abbraccio.

Libere e Liberi, Eretiche ed Eretici Veronesi

Appello Ecologista & Libertario per Verona 2012

La coalizione del centrosinistra veronese, in vista delle elezioni amministrative del 2012, esclude di fatto le forze ecologiste e libertarie che tradizionalmente non scendono a compromessi quando si tratta di diritti civili, tutela dell’ambiente e libertà individuali.

Eppure l’urgenza si fa sentire proprio per quanto riguarda la salute dell’ambiente e conseguentemente della cittadinanza, le dinamiche dell’integrazione, la tutela dei diritti civili e delle libertà individuali delle ultime e degli ultimi (e proprio per questo di tutte e di tutti), lo svilimento degli strumenti di partecipazione, la mancanza di servizi pubblici in grado di consentire la mobilità “verde”, la cementificazione, l’invivibilità della città che viene gestita come un carcere a cielo aperto in cui il proibizionismo e la repressione sembrano essere gli unici strumenti in grado di garantire quella fantomatica sensazione di sicurezza pagata a caro prezzo con l’erosione degli spazi di libertà e di aggregazione.

Contro la visione miope di città, propugnata dalla quasi totalità delle forze politiche, proponiamo una visione eretica – ovvero non in linea con il modello culturale, politico, sociale e morale dominante – per la Città del futuro che prende vita a partire da ORA.

VERONA città verde, viva, laica, accogliente e libera.
VERONA città europea.

Lanciamo un appello all’universo ecologista, libertario, nonviolento, laico, pirata, radicale, antiproibizionista, anticlericale…in poche parole
CHIAMIAMO A RACCOLTA LE LIBERE PENSATRICI E I LIBERI PENSATORI, LE ERETICHE E GLI ERETICI VERONESI
per realizzare insieme il nostro sogno.

veronaeretica@gmail.com

Petizioni eretiche per il tuo comune

SE VI INTERESSANO LE NOSTRE PROPOSTE ERETICHE, POTETE DIVENTARE VOI I PROTAGONISTI DI QUESTE BATTAGLIE DI LIBERTA’, PRESENTANDO LE 6 PETIZIONI AL VOSTRO COMUNE! FATEVI AVANTI!

Le petizioni trattano svariate tematiche di massimo interesse per la cittadinanza. Dalla tutela dell’ambiente alla possibilità di accedere agli strumenti di partecipazione popolare, dalla laicità alla trasparenza delle istituzioni, ECCO LE NOSTRE PROPOSTE ERETICHE (cliccando sul titolo delle proposte è possibile scaricare i testi delle petizioni):

  1. Strumenti di partecipazione popolare: regolamenti per delibere di iniziativa popolare
  2. Piano regolatore a crescita zero
  3. Sospensione finanziamenti comunali al clero e potenziamento servizi pubblici
  4. Anagrafe pubblica degli eletti
  5. Consiglio comunale online e semplificazione del portale web comunale
  6. Contabilizzazione dei beni pubblici comunali
Contattateci al più presto: veronaeretica@gmail.com

Riappropriamoci degli strumenti di partecipazione popolare negati

Dopo l’esperienza di Colognola Eretica, per dar voce in tutta la provincia alle nostre battaglie ecologiste, libertarie, anticlericali e antiproibizioniste, nasce la federazione “Verona Eretica”.

La nostra prima campagna su scala provinciale sarà basata sugli strumenti di partecipazione popolare previsti dagli statuti dei comuni ma quasi sempre inaccessibili alla cittadinanza a causa dell’assenza dei relativi regolamenti attuativi.

In breve: gli statuti comunali molte volte prevedono la possibilità per i cittadini di presentare delibere di iniziativa popolare – ovvero proposte che hanno a tutti gli effetti lo stesso valore delle proposte presentate dai consiglieri comunali e che devono quindi essere messe ai voti in consiglio.

Gli statuti rimandano solitamente a “regolamenti comunali” l’effettiva definizione delle modalità di utilizzo (per esempio la modalità di raccolta e certificazione delle sottoscrizioni necessarie alla presentazione della proposta) di questi strumenti di partecipazione.

Il problema è che i regolamenti in questione nella maggior parte dei casi NON ESISTONO. Di chi è la responsabilità? Evidentemente degli amministratori che negli anni non hanno mai ritenuto necessario rendere disponibili alla cittadinanza i mezzi di partecipazione previsti dagli statuti comunali.

Naturalmente non si tratta – come le hanno definite alcuni amministratori – di mere questioni formali e di principio, ma della reale possibilità di incidere sull’amministrazione del proprio comune che, seppur prevista, viene negata alla collettività. La consapevolezza della possibilità di partecipazione incentiva l’interesse per la vita politica, per questo nasconderle e affossarle è un vero e proprio attentato alla vita democratica delle istituzioni.

La nostra azione mirerà ad informare le cittadine e i cittadini di quanto viene loro sottratto in termini di diritti e legalità, non senza proporre concrete modalità di intervento per permettere alla popolazione di riappropriarsi di questi fondamentali strumenti di partecipazione negati!

Mercoledì 26 ottobre a Colognola ai Colli, presso la sala civica Frassanito (Piazza del Donatore, San Zeno di Colognola), presenteremo la federazione Verona Eretica e illustreremo le iniziative in cantiere per i prossimi mesi.

Naturalmente – seguendo la filosofia del Think global, act local  – non mancheranno riferimenti alle vicende colognolesi degli ultimi mesi.

La serata è aperta a tutta la popolazione della provincia di Verona.

A breve tutte le info.